Cartucce di inchiostro e toner a buon mercato

|

Spedizione GRATUITI* a partire da 60 € (spedizione standard 4,95 €)

Differenze tra serigrafia e sublimazione

Differenze tra serigrafia e sublimazione

Sebbene la serigrafia sia così antica da essere già usata migliaia di anni fa dagli egiziani e la sublimazione sia stata sviluppata a metà del secolo scorso, entrambe le due sono tecniche di stampa pratiche e molto popolari, soprattutto ora che la personalizzazione di tutti i tipi di oggetti è di gran moda. Tuttavia, il processo di stampa differisce notevolmente a seconda della tecnica scelta, quindi, diamo un’occhiata alle principali differenze per determinare quale processo si adatta meglio alle tue esigenze.

Cos’è la serigrafia?

La serigrafia è una tecnica che consiste nella stampa di un’immagine o una scritta sulla superficie scelta, tramite una matrice di tessuto teso che si posiziona su una sorta di cornice chiamata telaio serigrafico, sotto di cui viene messo l’oggetto da stampare. L’inchiostro si fa passare attraverso le maglie aperte della matrice, facendone depositare uno strato piuttosto spesso sul supporto scelto. Ci sono diversi tipi di serigrafia a seconda del processo di stampa scelto e a seconda dell’oggetto su cui si vuole stampare l’immagine o la scritta (serigrafia manuale, automatica, tessile....).

Ad esempio, per stampare una maglietta per mezzo di questa tecnica, si ha bisogno di vari strumenti: una o varie matrici di tessuto permeabile teso, attraverso le quali si fa passare l’inchiostro o fotoemulsione, la cornice o telaio serigrafico, l’emulsione o gelatina fotosensibile da utilizzare, una spatola chiamata racla o spremitore che serve a stendere la miscela o emulsione sul tessuto del telaio, l’inchiostro serigrafico, una fonte di luce e calore da 500 watt e uno strumento per pulire il telaio una volta finito il processo. Se si trattasse di un processo di serigrafia professionale, servirebbero più utensili, ma questi elencanti sarebbero quelli minimamente necessari per portare a termine il lavoro.

Cos’è la sublimazione?

Per stampare a sublimazione si ha bisogno di una stampante a getto di inchiostro, inchiostro sublimatico, carta sublimatica e una termopressa. Si tratta di una tecnica di stampa che avviene quando l’inchiostro stampato sulla carta viene trasferito su un altro materiale grazie al calore. In altre parole, il calore fa sì che l’inchiostro passi direttamente dallo stato solido allo stato aeriforme, senza passare per lo stato liquido, penetrando nella superficie del prodotto da stampare. Se hai bisogno di maggiori informazioni, puoi leggere la nostra guida alla sublimazione.

Quali sono le differenze tra serigrafia e sublimazione?

Sia la tecnica che i materiali necessari sono diversi. Come abbiamo già detto, per la serigrafia servono più cose che per la sublimazione, ma riassumiamo le principali differenze tra le due tecniche:

  • Tramite la serigrafia si possono stampare tutti i tipi di tessuti, ma i tessuti adatti alla stampa sublimatica devono essere fatti di poliestere o avere almeno una percentuale del 50% di poliestere nella loro composizione.
  • Inoltre, per personalizzare oggetti di ceramica e altri articoli non tessili tramite la tecnica della stampa a sublimazione, essi devono essere rivestiti di resina di poliestere, una limitazione che non esiste nel caso della stampa serigrafica.
  • Anche se entrambe le tecniche offrono risultati ottimi e molto durevoli, per stampare fotografie, si dovrebbe optare per la sublimazione. La serigrafia è più adatta a immagini di colori solidi in tinta unita, senza ombre o sfumature.
  • La tecnica della stampa sublimatica è più veloce e più facile da imparare della stampa serigrafica, che richiede un po’ più di specializzazione perché il risultato sia quello desiderato.
  • La serigrafia permette di stampare su qualsiasi colore, mentre che per la sublimazione si ha bisogno di una superficie bianca o di colore chiaro, per non contaminare o modificare i colori del disegno originale.
  • In termini economici, quando si tratta di piccole tirature, la serigrafia è meno conveniente della sublimazione.

Allora, cosa scegliere, la serigrafia o la sublimazione?

Dipende da quello che si intende stampare, dal materiale su cui si vuole fare la stampa, dai colori scelti e dal numero di copie che si vogliono fare. Se, ad esempio, si tratta di una fotografia del tuo nipotino, dovresti optare per la stampa a sublimazione, in modo che i risultati abbiano una qualità di stampa fotografica. Se invece vuoi stampare un disegno più semplice su tante magliette senza dover fare attenzione al tipo di tessuto, allora la serigrafia è la tecnica che fa al caso tuo. Entrambe le tecniche sono valide e offrono risultati buoni e duraturi, anche se, sia la serigrafia che la sublimazione, hanno i loro vantaggi e svantaggi, quindi, prima di scegliere l’una o l’altra, studia le loro possibili applicazioni.

Ricorda che in Webcartuccia troverai tutto il materiale di stampa professionale di cui hai bisogno.

Ultimi articoli / ¡Presta atención, hombre!